Langues

Disclaimer:
This will filter only displayed posts.
Don't forget to see next pages!
We'll fix that soon.

Libération sous caution d’une leader maoïste

14/08/2018

P.A. Shyna avait été arrêtée en mai 2015 en même temps que quatre autres membres haut placés du PCI(maoïste), accusées d’actes attribués à la guérilla maoïste dans le Karnataka, le Kerala et le Tamil Nadu (notre article de l’époque). Elle a été libérée sous caution ce mardi vers 17h. A sa sortie de la prison pour femme de Kannur, elle a été accueillie par des militants pour les droits humains et emmenée en voiture parmi un cortège de militants. Elle a déclaré être poursuivie pour s’être investie auprès de la population alors que les autorités l’accusent dans pas moins de 17 affaires différentes “Il n’y a aucune preuve dans ces affaires et la police les a monté de toutes pièces pour nous garder derrière les barreaux durant plus de trois ans et demi”.

PA Shyna

Succès de la contre-insurrection

06/08/2018

Les autorités ont annoncé que les forces de sécurité avaient abattu 14 membres présumés du PCI(maoïste) au cours d’un combat dans le district de Sukma (Chhattisgarh). L’incident a eu lieu vers 7h ce matin. Les soldats ont également saisi 16 armes et 4 IED sur les lieux. Une opération de ratissage a été déclenchée immédiatement après la fusillade pour tenter de capturer leurs camarades.

Opération de ratissage

Affrontement meurtrier

04/08/2018

Deux policiers ont été blessés dans une attaque menée par la guérilla maoïste dans le district de BIjapur (sud du Chhattisgarh) ce vendredi. En représailles, les policiers ont abattu un guérillero. Ses camarades sont parvenus à récupérer son corps lors de leur retraite, ont annoncé les autorités.

District de Bijapur

Reddition de deux maoïstes recherchés

03/08/2018

Un couple de maoïstes dont la tête avait été mise à prix se sont rendus à la police mercredi à Raipur, capitale de l’État du Chhattisgarh. Ravin alias Sanna était actif dans la région de Kerlapal au sud de Bastar. Il a rejoint les rangs maoïstes il y a dix ans. Ravin était impliqué dans plusieurs attaques contre les forces de sécurité et également dans un enlèvement. Sa femme Reena alias Budhri avait quitté les rangs maoïstes en 2016 mais était toujours recherchée. Reena aurait été impliqué dans plusieurs actions de la guérilla maoïstes (fusillades et embuscades à l’IED).

Le couple à sa reddition

Maoisti lanciano sciopero armato su Polavaram

02/08/2018

Il Partito comunista dell’India (maoista) ha chiamato a uno sciopero armato giovedì 19 luglio in Malkangiri per protestare contro il controverso progetto d’irrigazione di Polavaram che si dice sommergerebbe da 15 a 20 villaggi in Motu Tehsil e danneggerebbe pure flora e fauna nell’area. In un comunicato, il segretario del Comitato divisionale per la frontiera Malkangiri-Koraput-Visakha(MKVB), Benu, ha dichiarato che il progetto gioverebbe a capitalisti, società multinazionali, non locali. “Esorto chi sta per essere trasferito a lottare insieme contro la cospirazione tramata dai governi di Modi e Naveem per facilitare l’ingresso di società multinazionali. Entrambi stanno costringendo i poveri a spostarsi dalla loro patria in nome dello sviluppo”, ha scritto.

I maoisti hanno messo centinaia di manifesti nei villaggi RSC-10, Gunthabeda, Kurmanu e Dorabeda di competenza della polizia di Chitrakonda e hanno esortato i residenti a protestare contro il progetto. Hanno appeso messo manifesti incitando le popolazioni locali a opporsi all’inaugurazione del ponte di Gurupriya. I ribelli hanno argomentato che il ponte serve a intensificare l’Operazione Green Hunt, consegnando le ingenti risorse minerarie nelle montagne della regione alle società straniere e facilitando l’esportazione di bauxite da parte loro.


Due soldati BSF uccisi in un combattimento con naxaliti in Chhattisgarh

02/08/2018

Oggi due soldati della Forza di sicurezza di frontiera(BSF) sono stati uccisi e un altro ferito in una sparatoria con naxaliti nel distretto di Kanker in Chhattisgarh, ha detto la polizia.

Il combattimento è avvenuto in una foresta vicino all’accampamento BSF di Mahla dipendente dalla stazione di polizia di Partapaur quando una squadra di BSFdel 114° battaglione stava rientrando dopo l’effettuazione di una operazione antimaoista, ha riferito il vice-ispettore generale di polizia (operazioni anti-naxaliti), Sundarraj P a PTI.

Mentre la squadra di pattuglia stava avanzando attraverso la foresta del villaggio di Barkot, a quasi 250 km dalla capitale dello Stato, Raipur, è incappata in un pesante attacco armato da parte di un gruppo di naxaliti che ha condotto a una sparatoria fra le due parti, ha dichiarato.

Dopo un breve scambio di colpi, i ribelli sono fuggiti nel cuore della foresta, ha affermato.

“Due agenti identificati come Lokender Singh e Mukdhiyar Singh, del Rajastan e del Punjab rispettivamente, sono stati uccisi mentre un altro agente, Sandeep Dey, ha subito ferite nell sparatoria stessa”, ha aggiunto.

Rinforzi sono stati inviati urgentemente in posto e i corpi dei deceduti portati al quartier generale BSF 114° battaglione a Pakhanjore, ha detto.

Il soldato ferito è stato trasportato in aereo a Raipur per essere curato ulteriormente, ha detto il DIG.

Paramilitaires de la BSF

Soldato della forza paramilitare CRPF ucciso in un combattimento con maoisti in Jharkhand

02/08/2018

Oggi, un soldato CRPF (Forza di polizia centrale di riserva, n.d.t.) è stato ucciso in un combattimento con maoisti nella giungla di East Singhbhum (nel distretto del Jharkand), ha dichiarato un funzionario anziano. Lo scontro è avvenuto all’axis del distretto Dalapani-Galudi. Il soldato apparteneva al 193° battaglione CRPF.

Secondo il funzionario una squadra congiunta di polizia statale e CRPF era impegnata operativamente e una sparatoria è successa verso le 9.

Il soldato di rango agente della forza paramilitare ha subito ferite ed è morto sul posto, ha detto il funzionario.

Stiamo attendendo più dettagli sullo scontro, ha aggiunto.

Soldats de la CRPF

Manifesti del PCI maoista trovati nel distretto di Malkangiri denunciano la polizia locale per incoraggiamento della coltivazione di canapa

02/08/2018

Dopo alcuni giorni di calma, sabato 7 luglio il timore del rosso si è diffuso nel blocco di Chitrakonda nel distretto di Malkangiri, dopo che una serie di manifesti maoisti è comparsa in vari posti. Sono stati notati la mattina nel panchayatdi Papluru e Kurmanur da alcuni residenti locali che hanno chiamato la polizia e l’hanno informata.

I manifesti a nome di un gruppo del PCI maoista fuorilegge contenevano forti proteste contro la coltivazione di canapa nel distretto. Accusando la polizia di Malkangiri di patrocinare di nascosto i coltivatori di canapa nel distretto, i ribelli con i loro manifesti l’hanno minacciata di terribili conseguenze nel caso  continuasse a farlo.

“Mentre la polizia locale sta prendendo 1 lakh (   , n.d.t.) d’incentivo dai coltivatori di canapa, l’ammontare è a 3 lakh a livello del quartier generale distrettuale. Analogamente, i funzionari del Dipartimento accise prendono pure una mazzetta  di 5 lakh da ogni coltivatore di canapa. Questa pratica deve finire immediatamente e l’amministrazione distrettuale deve invece incoraggiare gli agricoltori a coltivare nella zona riso, miglioe piccoli cereali” si legge nei manifesti.

La polizia non è giunta nel villaggio finché questo rapporto è stato denunciato..

District de Malkangiri

Il PCI maoista comincia a riguadagnare forza e influenza nella regione Kerala-Karnataka-Tamil Nadu

02/08/2018

La polizia di Kerala e Karnataka così come agenzia di intelligence affermano il verificarsi di una forte ripresamaoista nella regione Kerala-Karnataka-Tamil Nadu (KKT), in ciò che potrebbe infliggere un colpo agli sforzi del governo dell’Unione per contenere l’estremismo di sinistra (LWE) nel Paese.

Dopo un periodo di quasi 12 anni trascorso dall’uccisione el 2005 di Saketh, membro del comitato della Stato di Karnataka del PCI maoista, il gruppo ha cominciato un ritorno nell’area dei tre confini, secondo un rapporto intelligencerivisto da Mint.

“Attualmente il comitato di zona del Ghat occidentale è retto da B.G. Krishnamurthy e militarmente supportato da Vikram Gowda. Il loro principale reclutamento avviene in Karnataka e Chhattisgarh, ma preferiscono restare in zone del Kerala dei Ghat occidentali. Si sono effettuate osservazioni da cui risulta che quattro gruppi stanno operando nella parte del Kerala dei Ghat occidentali”, dice il rapporto.

“Nel settembre 2017 cinque quadri maoisti armati si sono introdotti in una casa a Parappanpara nel distretto di Kozhikode in Kerala. Derubato il proprietario delle forniture base e di cibo, gli hanno intimato di non contattare la polizia e sono fuggiti. Il giorno dopo la polizia del Kerala si è impegnata in una massiccia operazione congiunta di ricerca contro il gruppo in aree forestali vicine, scoprendo solo che il gruppo era scappato senza lasciare tracce”, ha detto il funzionario anziano della polizia del Kerala, chiedendo l’anonimato.

Sebbene non riuscissero a localizzarla, la squadra di maoisti (specificamente di quel gruppo) era guidata da Soman, di Wayanad, pure ex-leader di un’organizzazione del fronte maoista, ha aggiunto il funzionario.

Il funzionario anziano della polizia di Stato ha affermato che, mentre il gruppo  maoista Kannadigaha subito un declino per il graduale spostamento verso il Kerala, l’estremità meridionale del Karnataka, coincidente con Kerala e Tamil Nadu è divenuta un sicuro rifugio per quadri del PCI maoista che hanno iniziato a ritirarsi dalle loro attuali roccaforti sul confine dell’Andhra Pradesh.

“Per rafforzarsi stanno programmando di sviluppare moralmente, militarmente le loro capacità organizzative. Stanno pianificando la formazione di quadri non esperti istruendoli sia tatticamente che politicamente” è dichiarato nel suddetto rapporto.

IL 21 aprile 2017, la polizia del Kerala ha condotto un’altra serie di operazioni congiunte nella foresta di Nilambur nel distretto di Malappuram dopo esser stata informata della presenza di un accampamento di un gruppo maoista nella foresta e unità diintelligencenello Stato hanno confermato “che il gruppo aveva piazzato mine intorno all’accampamento vicino alla colonia tribale Mancheeri, con l’evidente scopo di impedire irruzioni poliziesche. Un gruppo di quadri armati ha pure avvertito i residenti della colonia Mancheeri  rispetto alle mine e ha chiesto loro di non introdursi nella zona dell’accampamento”.

Esperti hanno sostenuto che i confini dello Stato erano più porous, considerati i livelli di polizia inferiori.

“La frontiera di Stato è meno controllati, così il movimento dei naxaliti non ha problemi. Ma occorre un servizio intelligencespecifico per il loro movimento e dove poi colpiranno”, ha detto Gurmeet Kanwal analista della difesa all’Istituto degli studi e delle analisi per la difesa di New Delhi.


Une nouvelle brigade d’autodéfense contre-insurrectionnelle

26/07/2018

Ce lundi, le ministre de l’Intérieur Rajnath Singh et le chef du gouvernement du Chhattisgarh ont assisté à la parade de présentation du nouveau bataillon de la CRPF, nommé le Bastariay Warriors à la Anti-Naxal Training School à Ambikapur. Les 549 recrues viennent exclusivement de quatre districts du Bastar. Après avoir suivi 44 semaines de formation, les hommes devraient être déployés bientôt. Selon la CRPF, le bataillon sera excessivement utile au cours des opérations étant donné que toutes les recrues connaissent le terrain local ainsi que la langue parlée par les tribaux. Ce nouveau bataillon ravive la mémoire de la Salwa Judum, une brigade anti-maoïste créée en 2005 et démantelée en 2011 par la Cour Suprême après de nombreuses actions meurtrières à l’égard des populations autochtones.

Commandos du Bastariay Warriors à l’entrainement